“Hayao Miyazaki e lo Studio Ghibli: un vento che scuote l’anime di Jacopo Caneva”. Un saggio che mi ha rubato il cuore.

Tempo fa sono stata contattata da una casa editrice di nome Goware editore affinché dessi uno sguardo al loro catalogo per vedere se ci fosse qualche titolo di mio gusto.

Inutile dire che non appena i miei occhi si sono posati sulla loro sezione dedicata alla saggistica, e in particolare al cinema, ho avuto un tuffo al cuore.

Chi mi segue da un poco sa quanto io sia legata ai film e quanto significhino per me, quindi non vi meraviglierá sapere che ho chiesto subito di poter leggere il saggio dedicato a Miyazaki e alla sua produzione cinematografica, ad opera di Jacopo Caneva.

“Hayao Miyazaki e lo Studio Ghibli: un vento che scuote l’anime” analizza tutta la produzione cinematografica dello Studio Ghibli in ordine cronologico, concentrandosi soprattutto sulla figura onnipresente dei due registi e co-creatori della casa di animazione: Hayao Miyazaki e Isao Takahata (venuto purtroppo a mancare quest’anno).

Da grande amante dello Studio Ghibli e della produzione soprattutto di Miyazaki, sono stata felice di poter scoprire le pellicole di Takahata che mi erano quasi tutte sconosciute eccetto che per “La storia della principessa splendente”.

L’autore approfondisce in modo semplice, chiaro e competente tutti i temi alla base dei film dei due registi, dando anche uno scorcio della realtà interiore di Miyazaki e Takahata che hanno messo molto della loro vita e delle loro esperienze, oltre che delle loro idee etiche, politiche e sociali, nelle pellicole che hanno diretto (come il fatto che per Miyazaki non esista una netta divisione tra buoni e cattivi, ma solo la guerra è il Male assoluto, e lui era bambino durante il secondo conflitto mondiale).

La distinzione tra buoni e cattivi è sempre infatti molto labile e, nei casi in cui l’unico antagonista non è la Guerra, lo sono personaggi che rappresentano l’essenza più profonda e remota, quindi orribile ed indescrivibile, del concetto di Conflitto: parlo ad esempio del Lepka di Conan o del Muska di Laputa.

Particolarmente interessante è stato scoprire che il lungometraggio che ha dato anche un volto allo Studio Ghibli, ovvero “Il mio vicino Totoro”, era stato inizialmente concepito da Miyazaki come un cortometraggio che avrebbe dovuto alleggerire agli spettatori la visione del ben più pesante emotivamente “Una tomba per le lucciole” del collega e amico Takahata. I due film affrontano entrambi la tematica “dell’innocenza dei bambini” anche se utilizzando due schemi narrativi diversi.

I bambini che nascono sanno in qualche modo che non vivono in un mondo benedetto.

In questi due film appare palese la differenza tra il più ancorato al suolo e serio Takahata e Miyazaki sempre tra le nuvole, leggero, amante del volo (altro dettaglio ben presente nelle pellicole da lui dirette!). Ma entrambi affrontano nei loro film tematiche importanti, donando allo spettatore due modi di rappresentare le cose diversi, ma che condividono profondità e riflessione.

Una scrittura fluida, semplice, ma ricca di informazioni e spiegazioni, descrive ogni dettaglio dietro una certa scena o sequenza, il perchè sia stata girata in un certo modo, come ad esempio l’ecologia e l’eco pacifismo accompagnino spesso la produzione di Miyazaki (Nausicaa nella valle del vento e Principessa Mononoke rappresentano entrambi due sviluppi diversi dell’eterna lotta tra Uomo/Natura), mentre gli stessi temi in maniera diversa vengono raccontati da Takahata, che con PomPoko regala una visione della globalizzazione e dello sfruttamento delle risorse naturali comica ma non per questo meno profonda (l’umorismo di Takahata nel raccontare una lotta tra procioni e uomo che vuole distruggere la loro casa come metafora del consumismo ed occidentalizzazione del Giappone è qualcosa di straordinario).

Le azioni portate avanti dai Tanuki non sono viste in maniera maestosa con esplosioni orchestrali alla maniera di Joe Hisaishi, ma sempre con l’occhio critico e ironico di chi ha già Passato mo(vi)menti del genere, e sa che se il pensiero di partenza, ovvero il più ingenuo, è condivisibile, quasi sempre i mezzi sono sbagliati e spesso la forza del pensiero nemico è più forte della propria.

Ma quello che rende questo saggio particolare è che Jacopo Caneva analizza ogni pellicola fornendo al lettore un approfondimento anche sulla colonna sonora, raccontando il perchè di una determinata scelta musicale e analizzando la melodia mentre ripercorre le scene che accompagna (d’altronde Caneva Studia arpa, composizione e lettura della partitura). Tramite questo metodo non solo aiuta il lettore a dare maggiore enfasi a ciò che vede, ma gli permette di avere una doppia chiave di lettura dei film, lasciando che la musica completi la meraviglia dell’animazione e della narrazione.

Egli ci racconta la storia di una casa di animazione partita dal nulla per diventare una delle più famose al mondo, e ci narra di due uomini, due creativi e maestri per le future generazioni, che si sono schierati contro la guerra, che hanno vissuto cose pesanti che però non li hanno amareggiati o resi cinici, ma sono state trasformate in qualcosa di puro e bello, in film che insegnano tanto a bambini e adulti (inoltre dello stesso autore inoltre ho già adocchiato anche un saggio sull’opera di Tim Burton che di sicuro non mi lascerò scappare!).

Mi fermo qui perchè vorrei che scopriste da soli i contenuti di questo saggio: vi dico solo che dopo averlo letto ho cominciato una maratona dei film Ghibli che sto rivedendo con occhi completamente nuovi, e non posso fare altro che consigliarvi di leggere questa piccola grande opera.

E voi lo conoscete? Lo leggerete? Fatemi sapere.

A presto

Anna Elisa

“Hayao Miyazaki e lo Studio Ghibli: un vento che scuote l’anime di Jacopo Caneva, Goware Editore: https://amzn.to/2kCFnKU

PS: vi ricordo che sono affiliata Amazon, questo vuole dire che se deciderete di comprare dai link che posto a voi non cambierà nulla, ma io riceverò una piccola commissione sull’acquisto come buoni Amazon che spenderò per portare sempre più materiale sul blog. Se deciderete di comprare dal mio link vi ringrazio con il cuore.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s