-Try Everything.-

La giornata di oggi è stata particolarmente pesante ma non tutto il male viene per nuocere, considerato che ho avuto un’idea per un articolo nuovo.

Ogni volta che mi capita di sentirmi provata o abbattuta da qualcosa di solito decido di fare una di queste cose:

  • Leggere alcune frasi che riescono a ricaricarmi, estratte da libri preferiti o altre fonti (consiglio fortemente Pinterest)
  • Ascoltare alcune canzoni che subito mi restituiscono le energie positive di cui necessito
  • Guardare un film che mi rimetta in connessione con il bello che è dentro di me

Ora se ho abbastanza tempo capita che faccia tutte e tre le cose, ma quando non riesco ho comunque un’ampia scelta.

Ho deciso quindi di proporvi una selezione di tre preferenze per ciascuna categoria a che possiate sfruttare  quando vi sentite giù.

Musica

Non sono una patita, ascolto un po’ tutto a seconda dell’umore: i suoni hanno una influenza molto forte sulla mia persona, come le parole, e mettere insieme le due cose è spesso una combinazione vincente.

Tra le canzoni che prediligo ascoltare quando mi sento stanca o semplicemente appesantita dalla giornata, e necessito di una spinta, di carica, di solito le tre canzoni che hanno un effetto immediato sul mio stato d’animo sono:

  1. “Try Everything” di Shakira, canzone portante della colonna sonora del film “Zootropolis” (che citerò nella categoria cinematografica). Il testo e la melodia sono fatti per essere ascoltati quando si ha bisogno di energia istantanea: riesce a farmi mettere subito in prospettiva i pensieri negativi, invitandomi non tanto a non cadere ma a rialzarmi sempre.                                                                                                Birds don’t just fly

    They fall down and get up
    Nobody learns without getting it won
    I won’t give up, no I won’t give in
    Till I reach the end
    And then I’ll start again
    Though I’m on the lead
    I wanna try everything
    I wanna try even though I could fail                                                                                                                     

  2. “I believe” di Christina Perry, usata nella colonna sonora del film “Pan”. Questa cantautrice la conosco da tanto tempo: la sua musica è caratterizzata da una forte nota malinconica, dolce e ispiratrice, e in particolare questa canzone riesce sempre a scuotermi; specie quando sento di non riuscire ad affrontare il turbine di sensazioni che mi vortica dentro, o semplicemente mi perdo un po’.                            ~ I believe that tomorrow is stronger than yesterday                                                      And I believe that your head is the only thing in your way                                                              I wish that you could see your scars turn into beauty                                                              I believe that today it’s okay to be not okay                                                                                             Hold on, hold on                         

    ‘Cause I have been where you are before

    And I have felt the pain of losing who you are                                                                                        And I have died so many times, but I am still alive                                                                          This is not the end of me, this is the beginning ~

  3. “Raise your glass” di Pink (anche se qui citerei tutta la sua discografia): questa canzone ha il potere di farmi sentire istantaneamente sicura e felice nella mia pelle, nella mia “stranezza”. Una vera scarica di adrenalina.

~So raise your glass if you are wrong,
In all the right ways,
All my underdogs,
We will never be never be, anything but loud
And nitty gritty, dirty little freaks
Won’t you come on and come on and raise your glass,
Just come on and come on and raise your glass~

Film

  1. “Zootropolis”: film Disney che parla di un mondo popolato da animali antropomorfi che si ritrovano a convivere e ad affrontare le stesse problematiche tipicamente umane: pregiudizio e fobia per il diverso, celato sotto una pacata superficie. Questo film mostra che se si desidera qualcosa bisogna inseguirla con tutte le proprie forze, esattamente come fa la piccola Judy, che decide di sfidare ogni regola e consuetudine e diventare la prima coniglietta poliziotta. Ma l’incontro con Nick, un imbroglione e soprattutto una volpe, e alcune sparizioni misteriose che coinvolgono i predatori, porteranno entrambi a scoprire molte cose di sé stessi e a superare le loro differenze per cercare di risolvere insieme il caso . Coinvolgente, dolce, intelligente e divertente. Assolutamente consigliato.                                                  
  2. “Colazione da Tiffany”, classico con Audrey Hepburn tratto dal romanzo omonimo di Truman Capote. All’apparenza dal titolo si potrebbe pensare che si tratti di un film leggero, ma questo non vuole dire che sia superficiale, anzi. È una delle mie pellicole preferite, e il personaggio di Holly Golightly penso sia uno dei meglio riusciti a livello cinematografico. Ragazza all’apparenza svampita e alla ricerca continua di un buon partito da cui farsi mantenere, Holly vive alla giornata facendo spesso i conti con quelle che lei definisce “paturnie”: momenti bui, che solo Tiffany, il famoso negozio e le sue bellissime vetrine, riescono a calmare. Lei è uno spirito libero che ha paura di rimanere in gabbia, ma l’incontro con il giovane Paul, scrittore squattrinato e mantenuto, porterà a qualcosa di totalmente nuovo per entrambi. Ho un legame affettivo con questo film, poiché lo collego a un momento molto importante della mia vita, quando ho preso consapevolezza di alcune cose di me stessa e fatto scelte non proprio semplici.                               
  3. “Il castello errante di Howl” di Hayao Miyazaki, film di animazione tra i miei preferiti del maestro, a cui sono legata per la forte connessione che provo per la protagonista: Sophie. Sophie è una cappellaia che si ritrova a scatenare le ire di una potente strega la quale la tramuta in una anziana signora. Solo Howl, l’affascinante stregone che ha barattato il suo cuore in un patto con un demone per acquisire più potere, può aiutarla. Da qui comincia un viaggio fantastico su un castello che cammina grazie alla magia, fino a che non sarà la stessa Sophie a dover salvare l’anima del giovane Howl. È un film che parla di amore, coraggio, determinazione. Mi piace che le eroine dei film di questo regista siano ragazze normali con le loro insicurezze e i loro desideri, e adoro vederle evolvere durante la storia: è stimolante, e mi regala tanta positività.

Quotes

Categoria ultima ma non per importanza: voglio proporvi tre frasi che hanno effetti positivi sulla mia persona sperando che possano essere utili anche a voi.

  1. “A flower does not think of competing to the flower next to it. it just blooms”-Zen Shin. Questa frase mi aiuta a focalizzarmi sulla mia persona e sui miei obiettivi personali senza lasciarmi influenzare da quello che succede intorno a me. Io sono io e gli altri sono gli altri: i fiori hanno in significato simbolico molto importante per me, come lo sbocciare dei medesimi: non esiste competizione tra le piante, ognuna sboccia indipendentemente dalle altre. Mi piace molto questo concetto.  
  2. “If you hear a voice within you say you cannot paint, then by all means paint and that voice will be silenced”-Vincent Van Gogh. Questo artista rimane uno dei miei preferiti da tanto tempo, ma questa sua citazione la conosco da poco. Mi aiuta a non dubitare di me stessa, sopratutto quando sono proprio io ad autosabotarmi nelle cose buttandomi giù da sola. A volte non bisogna ascoltare quella voce che ci incoraggia a non fare le cose, bisogna ribellarsi, zittirla agendo, perché abbiamo noi il controllo.                          
  3. “No one is you and that is your power”.Quando sento che essere come sono non mi aiuta nel mondo, leggere questa frase mi fa ritornare in contatto con me stessa in modo positivo. Essere come sono, chi sono, diversa da chiunque altro mi dona un potenziale illimitato: devo solo avere il coraggio di esplorarlo.

E voi? Avete dei piccoli riti per tirarvi su? Per farvi forza? Sono curiosa. Aspetto suggerimenti e altre citazioni.

A presto

Anna Elisa

Advertisements

6 thoughts on “-Try Everything.-

  1. Gli articoli giusti al momento giusto 💭❤ anch’io ricorro alle medesime vie di fuga e per questo devo avere sempre un taccuino e un paio di cuffie con me… poi quando ho tempo mi rifugio in un bel film o cartone animato che mi permette di respirare altro ossigeno di cui necessito in un determinato momento 💭

    Liked by 1 person

      1. Per quanto riguarda le frasi mi piace rifugiarmi nelle parole di Alda Merini, Frida Kahlo e Simone de Beauvoir… Per i film quando sono giù ho bisogno di una commedia americana anni 50-60 (con Marylin, Audrey o Jane Fonda), qualche film sdolcinato o un cartone (amo “la città incantata” di Miyazaky). Per la musica ascolto Daniel Caesar, I the japanese house che con le loro canzoni riescono a darmi l’energia necessaria per rialzarmi 💭💕

        Liked by 1 person

      2. Oh la città incantata è anche uno dei miei preferiti dello Studio Ghibl i! Per quanto riguarda la musica ascolterò qualcosa! E i film classici sono sempre i migliori ❤

        Like

      3. È il cartone della mia infanzia e vi sono davvero tanto legata! I film classici non deludono mai, riescono a regalarmi emozioni uniche… ❤ è bello poter condividere il mio mondo con chi condivide il suo 💭

        Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s